Orario

8.45-17.30
lunedì-venerdì

 

Come accedere

Bergamo
Piazza Vecchia 15

035.399430/431

Orario

8.45-17.30
lunedì-venerdì

 

Come accedere

Bergamo
Piazza Vecchia 15

035.399430/431

Biblioteca Civica Angelo Mai e Archivi storici comunali

Orari e servizi attivi

Orari in vigore dal 20 settembre 2021:
da lunedì a venerdì, 8.45 – 17.30
sabato 8.45-13.00

Nel rispetto delle disposizioni di legge a garanzia della sicurezza sanitaria pubblica, sono attivi i seguenti servizi:

  • prestito dei libri (su prenotazione)
  • restituzione dei libri
  • consultazione in sede (su prenotazione)
  • consulenza a distanza
  • riproduzioni su richiesta

Entrare in Biblioteca

Orario: dal lunedì al venerdì, dalle 8.45 alle 17.30; sabato dalle 8.45 alle 13.00.
Prima di entrare in Biblioteca a qualunque titolo è indispensabile esibire all’addetto una certificazione verde COVID-19 (‘Green Pass rafforzato’) e un documento di riconoscimento.
Possono accedere contemporaneamente all’Atrio scamozziano quindici persone dopo essersi sottoposte alla misurazione della temperatura.
E’ obbligatorio indossare correttamente la mascherina a copertura di naso e bocca e disinfettarsi le mani con l’apposito GEL idroalcolico disponibile all’ingresso.
L’utente può accedere in Biblioteca se:
• ha prenotato il prestito;
• deve riconsegnare volumi in prestito;
• ha prenotato una consultazione;
• desidera visionare le novità esposte;
• desidera visionare la mostra allestita nell’atrio;
• desidera chiedere alla reception se è disponibile una postazione per studio.

E’ possibile trattenersi all’interno dell’Atrio scamozziano e nella Saletta dei ritratti per il tempo necessario al deposito dei libri resi, al ritiro di quelli già prenotati, alla visione delle novità librarie esposte, alla visione della mostra, alla richiesta di consulenza al banco dei bibliotecari, al transito per recarsi nelle sale al primo piano per la consultazione prenotata.

Prestito

Prenotare un prestito
Le richieste di prestito devono essere effettuate via e-mail, scrivendo a info@bibliotecamai.org (indicare nome, cognome e codice fiscale) oppure compilando il form presente nella home page del sito o alla pagina Chiedi alla Biblioteca.
Chi non dispone di posta elettronica, può telefonare durante gli orari di apertura al numero 035-399431.
Prima di venire in Biblioteca per il ritiro dei volumi richiesti, attendere la risposta con la conferma della disponibilità e delle date utili (tre giorni).
E’ anche possibile richiedere in sede, direttamente ai bibliotecari, il prestito di libri aggiuntivi a quelli prenotati. Se disponibili, potranno essere ritirati in giornata a distanza di un’ora dalla richiesta.

Ritirare i libri prenotati
Il ritiro dei prestiti prenotati può avvenire solo dopo aver ricevuto la conferma sulla disponibilità.
I libri in prestito sono collocati presso la reception per i tre giorni indicati nella risposta.
I volumi non ritirati entro il tempo stabilito, tornano a disposizione degli altri utenti.
Le novità esposte sugli scaffali nella Saletta dei ritratti possono essere richieste in prestito al Bibliotecario. Prima di sfogliarle è indispensabile disinfettarsi le mani con l’apposito gel.

Restituire un libro
L’utente deve inserire i libri da rendere nelle buste disponibili e lasciare il pacchetto sul tavolo con la scritta ‘Restituzioni prestiti’.
I libri resi saranno sanificati e posti in quarantena per 72 ore (3 giorni) prima di poter essere concessi in prestito ad altro utente.

Consultazione

Orario: dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 17.30, su due turni (9.00-13.30, 14.00-17.30); sabato dalle 9 alle 13

Prenotare la consultazione
Le richieste di consultazione devono essere effettuate esclusivamente via e-mail, scrivendo a info@bibliotecamai.org oppure compilando il form presente nella home page del sito o alla pagina Chiedi alla Biblioteca.
Chi non dispone di posta elettronica, può telefonare durante gli orari di apertura al numero 035/399431.
Le richieste devono essere inoltrate con almeno due giorni lavorativi di anticipo specificando nome e cognome, motivo della richiesta, giorno e ora di arrivo, turno prescelto: mattino (9.00-13.30) o pomeriggio (14.00-17.30). E’ possibile prenotare entrambi i turni per effettuare la consultazione per l’intera giornata; si chiede agli utenti di non prenotare turni aggiuntivi se non indispensabili. La richiesta va corredata con tutte le informazioni bibliografiche necessarie alla corretta identificazione dei pezzi che si desidera consultare.
E’ possibile prenotare un massimo di sei pezzi per giorno, corrispondenti a sei segnature.
Prima di venire in Biblioteca per la consultazione, attendere la risposta con la conferma della disponibilità dei materiali richiesti, del giorno e dell’orario.
È possibile richiedere in sede una consultazione aggiuntiva da prelevare a magazzino (compilando l’apposita cedola) e un massimo di sei opere esposte in Salone o in Sala periodici.
Alcuni materiali di grande formato potrebbero essere comunque esclusi dalla consultazione per ragioni di opportunità e sicurezza.

Consultare le opere prenotate
Gli utenti giornalmente ammessi alla consultazione sono quindici, dodici in Salone Furietti, due in Sala periodici, uno in Saletta microfilm. Gli ingressi sono scaglionati in modo da evitare interferenze. Non è consentito spostarsi da una sala all’altra.
La consultazione delle opere prenotate può avvenire solo dopo aver ricevuto la conferma della disponibilità dei materiali, del giorno e dell’orario.
All’arrivo in Biblioteca, l’utente riceve la chiave dell’armadietto di sicurezza con il numero corrispondente a quello del tavolo assegnato in Salone Furietti, in Sala periodici o in Saletta microfilm. Ricovera nell’armadietto tutti gli oggetti personali eccetto quelli necessari per la ricerca (matita, computer). Prima di accedere alle sale disinfetta i guanti (l’uso è obbligatorio, la Biblioteca non li fornisce) con il gel e li asciuga con i fazzoletti a disposizione, per evitare di danneggiare le opere da manipolare.
I pezzi prenotati possono essere consultati uno per volta. Al termine della consultazione, i pezzi devono essere lasciati sul tavolo.
E’ consentito lasciare in sospeso e consultare per più giorni uno dei pezzi ricevuti in consultazione, segnalandolo all’assistente di sala; l’utente dovrà comunque richiedere una nuova prenotazione, indicando nella e-mail che il pezzo richiesto è in sospeso. La sospensione può essere richiesta per il tempo massimo di una settimana.
Gli utenti, dopo aver recuperato dall’armadietto i proprio oggetti personali, escono dalla Biblioteca utilizzando lo scalone principale, scaglionati di almeno cinque minuti l’uno dall’altro.
Durante la permanenza nelle sale è possibile consultare un massimo di sei volumi o periodici (eccetto i quotidiani) esposti negli scaffali. Al termine della consultazione devono essere lasciati sui tavoli. Non è consentito consultare i cataloghi cartacei o a schede, utilizzare leggii, sia in stoffa sia in legno, conferire con altri utenti. L’assistente di sala è disponibile per rispondere ad ogni domanda.

Studiare con libri propri

I tavoli non prenotati possono essere assegnati agli utenti che ne presentino richiesta in reception, sia per consultare le opere collocate in Salone Furietti o, in alternativa, le riviste esposte in Sala periodici (eccetto i quotidiani), sia per studiare con libri propri.
Non è consentito spostarsi da una sala all’altra né uscire e rientrare in Biblioteca ripetutamente.
Non è prevista la prenotazione dei tavoli per studio con libri propri.

Consulenza a distanza

Il servizio di consulenza a distanza è sempre attivo. E’ possibile formulare richieste compilando i form presenti in home page o nella pagina Chiedi alla biblioteca, oppure scrivendo direttamente a info@bibliotecamai.org.

Riproduzioni

Il servizio di riproduzioni è sempre attivo e può essere richiesto da remoto utilizzando gli stessi canali del servizio di consulenza a distanza. Per informazioni sulle norme del servizio, vedi l’apposita pagina del sito.

Top

Il presente sito utilizza solo cookie tecnici necessari all’erogazione del servizio e cookie analitici senza profilazione, i quali, tramite l’anonimizzazione dell’IP, non possono essere utilizzati per il tracciamento dell’utente, ma solo per fini statistici.