biblioteca_mai Nessun commento

Il libro italiano del Cinquecento: antico e nuovo

Sabato 27 maggio, alle ore 18.00 presso Palazzo del Podestà, in piazza Vecchia, si terrà il primo appuntamento del ciclo “Conversazioni con…” in occasione della mostra È la stampa, bellezza! Libri e tipografi nel Cinquecento, tra Venezia e Bergamo, realizzata da Fondazione Bergamo nella storia e Biblioteca Civica Angelo Mai.
L’incontro, dal titolo Il libro italiano del Cinquecento: antico e nuovo, è a cura di Lorenzo Baldacchini dell’Università di Bologna.
Ingresso libero. Tutti i prossimi appuntamenti sulla pagina del sito della Fondazione.

biblioteca_mai Nessun commento

Altri dieci libri più belli del mondo. Il Verlaine di Barbier

Venerdì 26 maggio, alle ore 17.00, nella Sala del Cancelliere si svolge il quarto incontro del ciclo Altri dieci libri più belli del mondo, organizzato e tenuto da Giorgio Mirandola. L’incontro è dedicato al libro Les Fêtes galantes di Paul Verlaine, pubblicato nel 1928 a Parigi da Henri Piazza e illustrato con la raffinata tecnica del pochoir da Georges Barbier, artista tra i più significativi del periodo déco. Ingresso libero.

Scarica il programma completo.

biblioteca_mai Nessun commento

Immagini della Riforma

Giovedì 18 maggio, alle ore 17.30, presso l’Accademia di Belle Arti G. Carrara (piazza Carrara 82/d, aula Pittura B 5/6,piano 1°), per il Ciclo di inconti Immagini della Riforma, Federica Ambrosini, già docente dell’Università degli studi di Padova, presenta Una gentildonna veneziana di fronte al Sant’Uffizio. Il processo per eresia di Isabella della Frattina 1568-1570. Letture a cura di Diego Bonifaccio. Introduce e modera Maria Grazia Recanati. Ingresso libero.

L’intero programma delle celebrazioni è visibile sul sito http://www.riforma500bg.it/.

biblioteca_mai Nessun commento

Letture luterane. Contro i profeti celesti (1525)

Lunedì 15 maggio, alle ore 17.30, presso l’Accademia Carrara, per il Ciclo di Letture luterane curate dal Centro Culturale Protestante nell’ambito delle celebrazioni per il Quinto centenario della Riforma, Giulio Orazio Bravi legge brani tratti da Contro i profeti celesti: sulle immagini e sul sacramento (1525). edizione italiana a cura di Alberto Gallas, Claudiana. Introduce M. Cristina Rodeschini. Ingresso libero.

L’intero programma delle celebrazioni è visibile sul sito http://www.riforma500bg.it/.

biblioteca_mai Nessun commento

Il grande dono dell’Italia al mondo. L’evoluzione del carattere romano 1465-1500

Sabato 13 maggio, alle ore 17.30, nel Salone Furietti, conversazione con James Clough del Politecnico di Milano dal titolo Il grande dono dell’Italia al mondo. L’evoluzione del carattere romano 1465-1500. Ingresso libero.
I ‘caratteri romani’ che noi leggiamo nei nostri libri, ma anche quasi tutti quelli che adoperiamo per scrivere sui nostri computer, paradossalmente, hanno le loro origini a Venezia piuttosto che a Roma. Infatti, nel 1496, esce dalla stamperia di Aldo Manuzio un libro che sarà destinata a determinare la storia della tipografia fino ai nostri tempi.
L’incontro è organizzato in occasione della mostra E’ la stampa, bellezza!. Libri e tipografi nel Cinquecento, tra Venezia e Bergamo, che viene inaugurata sabato 20 nel Palazzo del Podestà, Museo del Cinquecento.

biblioteca_mai Nessun commento

Letture luterane. Lettera sul tradurre (1530)

Lunedì 8 maggio alle ore 18.00, nel Salone Furietti, per il Ciclo di Letture luterane curate dal Centro Culturale Protestante nell’ambito delle celebrazioni per il Quinto centenario della Riforma, Tiziano Manzini di Pandemonium Teatro legge la Lettera sul tradurre (1530). Introduce Raul Calzoni dell’Università degli Studi di Bergamo. Ingresso libero.

L’intero programma delle celebrazioni è visibile sul sito http://www.riforma500bg.it/.

biblioteca_mai Nessun commento

Eretici, riformati e inquisitori nella Bergamo del Cinquecento. Visita guidata

Domenica 7 maggio, alle ore 16.00, presso il Museo del ‘500, Palazzo del Podestà in piazza Vecchia, nell’ambito delle celebrazioni per il Quinto centenario della Riforma protestante, viene offerta una visita guidata gratuita dal titolo Eretici, riformati e inquisitori nella Bergamo del Cinquecento, tenuta da Fausta Bertoni, a cura della Fondazione Bergamo nella storia. Un percorso tra le sale del museo del Cinquecento alla scoperta di alcuni episodi della vita a Bergamo nel secolo della Riforma e della Controriforma.
Prenotazione obbligatoria fino a esaurimento posti al numero 035.247116; telefonare da martedì a domenica h. 9.30-13.00/ 14.30-17.00.

L’intero programma delle celebrazioni è visibile sul sito http://www.riforma500bg.it/.

biblioteca_mai Nessun commento

Fonti e temi di storia locale

Venerdì 5 maggio, alle ore 17.30, nella Sala del Cancelliere, per il ciclo Fonti e temi di storia locale organizzato da Archivio Bergamasco, Enrico Valseriati, vincitore della ‘Borsa Cicolari 2016’, presenta il seminario I miti fondativi e l’identità civica di Bergamo nel Rinascimento: il ruolo di Francesco Bellafino e del De origine et temporibus urbis Bergomi. Coordina Giulio Orazio Bravi. Ingresso libero.

Scarica il programma completo dei seminari.

biblioteca_mai Nessun commento

Avviso pubblico per catalogatori

È in scadenza la selezione pubblica per il conferimento di incarichi di prestazioni occasionali, mediante valutazione dei curricula e colloquio, per la catalogazione di fondi librari manoscritti e a stampa di particolare interesse conservati presso la Biblioteca Civica A. Mai, le Biblioteche museali e le Biblioteche speciali. Le domande dovranno pervenire, pena l’esclusione, entro il termine perentorio delle ore 17.30 del 12/05/2017.

Tutti i dettagli nell’avviso scaricabile in pdf.

biblioteca_mai Nessun commento

Altri dieci libri più belli del mondo. Mira Calligraphiae Monumenta di Georg Bocskay e Joris Hoefnagel

Venerdì 28 aprile, alle ore 17.00, nella Sala del Cancelliere si svolge il terzo incontro del ciclo Altri dieci libri più belli del mondo, organizzato e tenuto da Giorgio Mirandola, dedicato al codice Mira Calligraphiae Monumenta, conservato ora al Getty Museum, opera di Georg Bocskay, che volle mostrare in esso la propria consumata abilità di calligrafo, e di Joris Hoefnagel che, intorno al 1590, per incarico dell’imperatore Rodolfo II, lo completò con straordinarie immagini di fiori e di animali. E’ considerato l’ultimo capolavoro della miniatura fiamminga. Ingresso libero.

Scarica il programma completo.